Editoriali »

18 Novembre 2019 – 12:19 |

C’è parecchia indifferenza nella sinistra europea e italiana in particolare per le lotte in corso in Medio Oriente, Questo è particolarmente vero per il Libano (le uniche manifestazioni di solidarietà sono venute da libanesi negli Usa). Una indifferenza doppiamente colpevole perché in parte “copre” le responsabilità dell’imperialismo europeo e italiano in particolare, ma anche perché impedisce di capire una battaglia che è componente imprescindibile della …

Leggi l'articolo completo »
Comunicati
Internazionale
Comunismo
Documenti
Lotte
Home » Documenti

Finmeccanica: una corruzione normale

Inserito da on 18 Febbraio 2013 – 09:22

Con l’arresto e le dimissioni del presidente Giuseppe Orsi la vicenda Finmeccanica continua a tenere banco nella cronaca, ben accompagnata dallo scandalo MPS e dalle disavventure giudiziarie del “Celeste” Formigoni.

Con la sua consueta faccia tosta e la sua abituale diplomazia, Berlusconi si è scagliato contro le azioni “suicide” della magistratura che danneggerebbero le aziende italiane, argomentando che “nei paesi del terzo mondo” la corruzione è un fatto abituale, condannando i “moralismi assurdi” di chi vuole perseguire corrotti e corruttori.
Berlusconi ha parlato da imprenditore e, stando a quanto dicono i magistrati che lo accusano, anche da “intenditore”, salvo poi, come suo solito, fare retromarcia e negare quanto detto. La corruzione è il metodo normale di vendita nel mercato delle armi, ma non si deve dire perché i concorrenti possono chiedere l’annullamento dell’affare per concorrenza sleale.
Che poi dall’Italia, dove le tangenti sono una realtà capillare, si punti il dito sulla corruzione degli altri fa parte della sfacciataggine di casa nostra, così come fa parte del provincialismo italiano e della superficialità berlusconiana chiamare “paese del terzo mondo” una potenza regionale come l’India.
Ma in attesa che qualche multinazionale indiana venga ad elargire “compensi di mediazione” a funzionari italiani, si impongono alcune riflessioni sulla natura stessa delle tangenti e dell’economia capitalista.

Il compito dello stato borghese non è quello di assicurare il benessere dei cittadini, ma di garantire le condizioni migliori per l’accumulazione del profitto. In alcuni settori – come ad esempio nelle forniture belliche – lo stato si fa esso stesso agente economico come acquirente e molto spesso anche come produttore.
Nell’etica del capitalismo non hanno importanza la coerenza e l’onestà, ma il successo economico e la ricchezza, non importa ottenuti come. “Pecunia non olet” è il motto imperante nella borghesia, motto che viene messo in pratica non solo dagli imprenditori e dai loro politici, ma anche da giornalisti ed opinionisti di ogni genere, sempre pronti ad incensare coloro che hanno fatto strada nel mondo degli affari senza porsi tante domande su come l’hanno fatta.
Nulla di strano che le aziende siano disposte a tutto per accaparrarsi un affare: si crea una lobby per favorire certi interessi economici a danno di altri, si organizzano campagne mediatiche per far schierare l’opinione pubblica pro o contro una scelta politica, si coltivano conoscenze con personaggi chiave nelle decisioni fino a garantire loro vantaggi personali. L’abitudine a “ungere le ruote” è solo la prosecuzione di questa logica portata alle estreme conseguenze.

Le inchieste giudiziarie divengono a propria volta parte dello scontro politico-economico: in Italia l’affare Finmeccanica è stato usato per criticare il presidente uscente Monti ma soprattutto la Lega Nord, principale sponsor della nomina di Orsi ai vertici dell’azienda. In India è invece guerra aperta fra il governo del Partito del Congresso – accusato di essere responsabile della corruzione – e l’opposizione dell’induista BJP e dello stalinista CPI.
L’India – paese con un’economia molto dinamica ma dove la crescita è accompagnata dalla miseria più nera – è il primo importatore mondiale di armi con 6,9 miliardi di dollari di importazioni nel 2012; ne sono previste per altri 38,25 dal 2013 al 2016. Per questo fiorente mercato, in cui la Russia ha la parte del leone, davanti all’Italia sono in lizza Francia e Gran Bretagna. Nell’incontro del 14 febbraio fra il presidente francese Hollande – venuto accompagnato da 5 ministri e 60 uomini d’affari – e il primo ministro indiano Manmohan Sing si è discusso anche dell’acquisto di 126 cacciabombardieri francesi Rafale per 10 miliardi di dollari; la francese Eurocopter – dopo aver appena incassato una fornitura di 40 milioni di euro per 7 elicotteri da soccorso – è in trattativa per 197 elicotteri da ricognizione per le forze armate indiane, un contratto valutato oltre un miliardo di euro. Il primo ministro inglese David Camerun visiterà l’India questa settimana anche per promuovere l’acquisto al posto dei Rafale di cacciabombardieri Eurofighter Typhoon prodotti in Inghilterra.

Mentre scriviamo, il governo indiano non ha ancora cancellato la commessa per i 12 elicotteri Augusta Westland, ma ne ha solo bloccato il pagamento. E’ ironico che mentre fra Roma e New Delhi volano scintille per il caso di due militari italiani detenuti in India, vengano firmati contratti milionari proprio su forniture belliche…
Secondo i giudici, è stata pagata una tangente di 51 milioni di euro. Una cifra colossale, per quanto “proporzionata” rispetto alla cifra totale del contratto: 750 milioni di dollari, e di cui una decina di milioni sarebbe ritornata nelle mani dei vertici Finmeccanica (e dei loro referenti politici?).
Intanto, fra debiti e scandali per Finmeccancia sono tempi duri: oltre alle perdite in borsa – che, come fatto in sé, non ci preoccupano – si profilano non solo cessioni di rami d’azienda, ma anche ristrutturazioni e di conseguenza esuberi: 1000 per Alenia, solo per il momento. Ancora una volta i guai delle aziende ricadono sui lavoratori.
Non per questo è nostra intenzione associarci al coro di pianto per le difficoltà di questo “fiore all’occhiello” dell’Italia: un fiore che semina armi e di conseguenza distruzione e morte (e a quanto pare anche mazzatte) in giro per il mondo realizzando profitti sulla pelle di milioni di proletari e contadini poveri, persino in paesi dove una larghissima parte della popolazione è ridotta alla fame. Come dicevamo, “pecunia non olet”…

La vicenda Finmeccanica è l’esempio del normale andamento degli affari nel mercato capitalistico: lo “spietato pagamento in contanti” di cui parlavano Marx ed Engels nel Manifesto fa da padrone su ogni altra considerazione.
Le inchieste della magistratura possono ben colpire alcuni casi, ma non possono scalfire un fenomeno che è l’inevitabile conseguenza della ricerca del profitto.
La corruzione e il mercato delle armi non possono essere eliminati dall’azione dello stato, soprattutto quando lo stato è il tutore degli interessi che promuovono mazzette e cannoni. Solo l’eliminazione di un sistema basato sullo scontro fra gli uomini anziché sulla loro collaborazione, un sistema che promuove corruzione e guerre, potrà rimuovere il malaffare e il mercato della morte.

Combat/Comunisti per l’Organizzazione di Classe

Tags: , , ,

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.