Editoriali »

28 Luglio 2019 – 10:51 |

Salvini parla molto, troppo. Per questo rimbomba ancora più forte il suo raro silenzio. Prima sul rubligate; ora sui 150 morti annegati nel Mediterraneo, e gli altri 134 salvati dal naufragio e rispediti indietro in Libia nei campi di concentramento tra i soprusi e i bombardamenti di Haftar.
Non avrebbero speso tutti i loro averi e quelli delle famiglie per salire su barconi fatiscenti e sovraccarichi …

Leggi l'articolo completo »
Comunicati
Internazionale
Comunismo
Documenti
Lotte
Home » Comunicati, Lotte, Repressione

La nostra solidarietà ai compagni anarchici di Torino

Inserito da on 13 Febbraio 2019 – 13:33

Guerriglia urbana nel centro di Torino per il corteo di centri sociali e anarchici contro lo sgombero dell’Asilo occupato, ultimato ieri dopo due giorni di tensione, 09 febbraio 2019. Un migliaio di manifestanti, molti dei quali incappucciati o con il casco, hanno creato un clima di terrore per almeno due ore. Quattro persone sono rimaste ferite, una, che faceva parte del corteo, è stata soccorsa da un’ambulanza, ma le sue condizioni sono meno gravi di quello che si era temuto. Il primo bilancio è di 12 manifestanti fermati dalla Polizia. I manifestanti hanno devastato arredi, incendiato cassonetti dei rifiuti, mettendoli poi di traverso per creare sbarramenti nelle vie, hanno divelto cartelli e protezioni stradali, spaccato vetrate, imbrattato muri e vetrine, danneggiato auto, tram e bus.
ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

Lo sgombero del centro sociale Asilo di Torino, i successivi fermi di polizia e la violenta campagna istituzionale e di stampa contro i militanti anarchici condotta in combutta da Cinquestelle, Lega e Pd, sono una prova in più che è in atto un salto di qualità della repressione giudiziaria e poliziesca – che non ha nulla da invidiare alla brutale caccia ai gilet jaunes scatenata in Francia dalla banda Macron.

In gioco non è il passato (“l’anacronismo” degli spazi occupati), né questa o quella situazione locale (l'”anomalia Torino”); in gioco è l’insieme delle più diverse forme di resistenza in atto oggi all’aggressione che il governo fascio-stellato sta portando all’esercizio del diritto di sciopero e di picchettaggio, all’occupazione delle case sfitte, all’uso sociale di spazi sottratti alla speculazione edilizia, all’organizzazione proletaria di lotta, specie se composta da lavoratori immigrati, come nel caso della logistica.

Per questa ragione, al di là di ciò che ci divide da loro, sentiamo l’attacco ai compagni anarchici di Torino come un attacco all’intero movimento di resistenza e di lotta alla svolta reazionaria in corso sotto le insegne del “populismo” e del “cambiamento”, ed esprimiamo a loro la nostra solidarietà militante. Il loro grido di protesta “Fanno la guerra ai poveri e la chiamano riqualificazione”, il loro appello a resistere “contro i padroni della città” vale al di là, molto al di là, di Torino e della questione degli spazi occupati.

Bisogna prendere atto che il governo Salvini-Di Maio, il governo del lavoro nero, dei porti chiusi ai rifugiati e aperti alla NATO, dell’uso massiccio della polizia contro le lotte, sta agendo secondo un piano per riaffermare il totale potere dei padroni di ogni tacca, dei palazzinari, degli speculatori, dei boss della criminalità organizzata, nei luoghi di lavoro e sui territori. Non è possibile bloccare questo piano località per località, restando divisi, scoordinati, e lasciandoci chiudere in tanti vicoli ciechi.

Certo, ogni attacco merita la risposta più pronta e immediata possibile; ma è vitale far convergere le molteplici risposte in un solo fronte proletario unitario di lotta contro la repressione poliziesca e giudiziaria, contro l’intera politica anti-operaia, razzista, sessista, militarista del governo Conte, chiedendone, come hanno saputo fare i gilet gialli con Macron, le dimissioni. Mettiamo all’odg lo smascheramento e la cacciata di questo governo dalla piazza, la preparazione di uno sciopero generale in cui le tante singole spinte di lotta e lo scontento crescente possano confluire! Per quanto non sia facile, bisogna cominciare a confrontarsi su questa necessità e agire in modo conseguente. Per parte nostra partecipiamo in pieno al lavoro di coordinamento anti-capitalistico promosso dal SI Cobas, che prevede un’unità di intenti per dare efficacia politica ed organizzata alle iniziative dell’8 marzo e del 1° maggio.

Per portarlo a termine con successo un simile sforzo, dovremo parlare alla grande massa dei lavoratori, delle lavoratrici, dei giovani precari – inclusi i tanti che ancora oggi sperano che questo schifoso governo possa cambiare in meglio le cose.

 

11 febbraio 2019

 

Compagne e compagni per una Tendenza internazionalista rivoluzionaria

Tags: , , , , , , , ,