Editoriali »

18 Settembre 2019 – 13:35 |

Riceviamo e pubblichiamo da
S.I. Cobas Sindacato Intercategoriale Lavoratori Autorganizzati
 

 
Due dirigenti operai e cinque giornalisti condannati in Iran fino a 18 anni di carcere, sotto il nuovo capo della magistratura, protagonista del massacro di migliaia di carcerati nel 1988
La Sezione 24 del “Tribunale Rivoluzionario” (leggi Reazionario) di Tehran, presieduta dal giudice-falco Mohammad Moghiseh, ha condannato:
l’operaio e dirigente del consiglio di fabbrica dello zuccherificio di Haft Tapeh …

Leggi l'articolo completo »
Comunicati
Internazionale
Comunismo
Documenti
Lotte
Home » Comunicati, Internazionale, Lotte

NON CEDIAMO SU NIENTE! È IL MOMENTO DI SCENDERE TUTTE E TUTTI IN LOTTA!

Inserito da on 26 Maggio 2016 – 08:54

Licenziamenti, disoccupazione, salari congelati, miseria, arbitrio padronale … Non ne possiamo pù! E padroni e governo vogliono peggiorare ancora  questa situazione?? Non lasciamoli fare! Ritiro della Legge “lavoro”

Riportiamo la traduzione dell’appello di Initiative Communiste Ouvrière del 25 maggio

La lotta contro la Legge sul lavoro, questa legge che mira a distruggere le garanzie collettive del mondo del lavoro, si è rinvigorita la scorsa settimana e in questo week-end: depositi di carburante bloccati, diversi giorni di azioni di lotta nel trasporto su gomma, sciopero nel petrolchimico, scioperi dei portuali e degli scaricatori, nuove giornate di sciopero nelle ferrovie SNCF il 25 e il 26 marzo, mentre numerosi depositi, stazioni e stabilimenti sono in sciopero rinnovabile nella Regione parigina e altrove, scioperi in diverse centrali nucleari, etc. Il movimento si estende e dimostra ancora una volta la determinazione di ampi settori della classe operaia a farla finita con questa legge antioperaia.

Il governo, nonostante la repressione e i suoi discorsi, è lungi dall’essere “ben saldo e sicuro”, al contrario! Sabato, dopo alcuni giorni di mobilitazione dei trasportatori, il governo ha promesso di garantire per decreto la maggiorazione del 25% o del 50% per gli straordinari nel trasporto merci, mentre la legge sul lavoro permette al padronato di ridurre questa maggiorazione al 10%. Ma noi vogliamo mantenere le attuali maggiorazioni per gli straordinari ovunque, non solo nel trasporto su gomma! E, al di là di questo, è l’insieme dei diritti e delle garanzie della Legislazione sul lavoro e dei contratti collettivi che vogliamo salvaguardare!

Questa marcia indietro del governo di fronte ai trasportatori e il piagnucolio del MEDEF (Confindustria francese) di Normandia stanno a dimostrare che essi temono che il movimento si estenda, dimostrano anche che possiamo vincere e ottenere il ritiro della Legge sul lavoro. Per oggi, giovedì 26 maggio, è prevista una nuova giornata di sciopero e di manifestazioni. Dobbiamo senz’altro essere tutte e tutti nelle piazze. Questa volta si pone concretamente all’ordine del giorno la questione dello sciopero a tempo indeterminato in tutti i settori!

No allo sciopero per procura come nel 2010! Non basta applaudire la determinazione dei compagni in lotta, occorre seguire il loro esempio! Tutte e tutti abbiamo la responsabilità di scendere in lotta per vincere la battaglia contro questo governo al servizio del MEDEF.

Tutte e tutti assieme possiamo vincere, possiamo ottenere il ritiro della Legge sul lavoro! È anche ora di scendere in sciopero e in lotta nelle fabbriche per le nostre rivendicazioni, per il salario, il miglioramento delle condizioni di lavoro, per la riduzione dell’orario e del carico di lavoro con assunzioni di massa, la regolarizzazione dei nostri compagni immigrati sans-papier e contro i licenziamenti!

Tags: , , , , , , , , , , , ,