Editoriali »

2 Novembre 2019 – 14:47 |

In Cile continuano le manifestazioni per un radicale cambiamento del sistema, politico, economico e sociale. Il “miracolo economico” liberista, imposto dalla dittatura di Pinochet con una feroce repressione sostenuta dagli USA, è stato un miracolo per i capitalisti (tra cui l’attuale presidente Sebastián Piñera, che ha accumulato 2,8 miliardi di dollari, pari al salario annuo di quasi 600 mila operai), ottenuto a scapito della massa …

Leggi l'articolo completo »
Comunicati
Internazionale
Comunismo
Documenti
Lotte
Home » Comunicati, Editoriali

Qualcuno li può giudicare…

Inserito da on 4 Settembre 2012 – 17:33

Ormai per leggere le ovvietà che ogni lavoratore, ogni studente, ogni pendolare, ogni utente conosce e subisce sulla propria pelle, bisogna scrutare tra le pagine patinate di Style, mensile glamour del Corriere della Sera.
Sono le stesse ovvietà ben conosciute dai ferrovieri ridotti a sorbirsi un contratto bidone che gli aumenta l’orario di lavoro, senza per altro dargli una lira di aumento.
Ovvietà per nulla scandalose, tutte previste nel processo di liberalizzazione del trasporto su rotaia, che unisce l’aumento dello sfruttamento dei lavoratori con la diminuizione delle condizioni di sicurezza del servizio.
Un processo di spezzettamento sostenuto fin dal suo inizio nella metà degli anni ’80 dagli stessi sindacati che oggi firmano, senza consultazione alcuna dei ferrovieri, l’ennesimo contratto bidone.
E cosi’, al disagio dei viaggiatori pendolari ( le coccole delle assistenze sono solo per i signori dell’alta velocità! ), si somma quello dei ferrovieri, in un crescendo di incomprensioni che spesso scadono nel battibecco, nella rissa, e nella denuncia formale.
Tutto il contrario di quello che occorrerebbe: l’unità d’azione tra chi usa il treno e chi ci lavora, contro i dirigenti papponi e i sindacati collusi.
Per un trasporto sociale uguale per tutti, sicuro, e perché no……gradevole!

nuclei ferrovieri internazionalisti

comunisti per l’organizzazione di classe

Combat

Tags:

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.