Editoriali »

18 Novembre 2019 – 12:19 |

C’è parecchia indifferenza nella sinistra europea e italiana in particolare per le lotte in corso in Medio Oriente, Questo è particolarmente vero per il Libano (le uniche manifestazioni di solidarietà sono venute da libanesi negli Usa). Una indifferenza doppiamente colpevole perché in parte “copre” le responsabilità dell’imperialismo europeo e italiano in particolare, ma anche perché impedisce di capire una battaglia che è componente imprescindibile della …

Leggi l'articolo completo »
Comunicati
Internazionale
Comunismo
Documenti
Lotte
Home » Comunicati, Internazionale, Lotte, Repressione

Rilasciato Reza Shahabi!

Inserito da on 17 Marzo 2018 – 10:50

RezaShahabi

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo comunicato sulla liberazione di Reza Shahabi, sindacalista iraniano da quasi 8 anni imprigionato per la sua attività sindacale.
Il 15 gennaio scorso a Milano si era svolto un presidio per chiedere la sua liberazione e degli altri prigionieri politici oltre che in solidarietà con le lotte di tutti i lavoratori iraniani.

Celebriamo oggi il rilascio di Reza Shahabi e ci prepariamo per domani

Il Sindacato dei Lavoratori di Teheran e della Suburbs Bus Company ha annunciato che Reza Shahabi è stato rilasciato il 13 marzo 2018. Si prega di leggere sotto la dichiarazione del Vahed Syndicate.

Questa è una grande notizia. Felicitazioni a Shahabi, alla sua famiglia, al Vahed Syndicate e ai movimenti operai e progressisti in Iran e in tutto il mondo.

Reza Shahabi, membro del consiglio di amministrazione del Sindacato dei lavoratori di Teheran e della Suburbs Bus Company (Vahed Syndicate), e uno dei principali attivisti del movimento operaio iraniano, è stato arrestato nel giugno 2010 mentre era al lavoro, alla guida di un autobus; è stato violentemente aggredito di fronte agli autisti di autobus e incarcerato nel reparto 209 della prigione di Evin. Dopo aver trascorso diciannove mesi in isolamento, è stato condannato a sei anni di prigione, bandito da qualsiasi attività sindacale per cinque anni e al pagamento di una multa di sette milioni di Toman dalla sezione 15 del tribunale rivoluzionario. A causa dell’intenso stress fisico e delle torture subite durante gli interrogatori, Shahabi ha avuto la lussazione della schiena e del collo e ha dovuto sottoporsi a due interventi chirurgici. Dopo oltre quattro anni di sofferenze, era in permesso per motivi di salute in base alla prescrizione del medico. Tuttavia, Shahabi è stato reincarcerato nella prigione di Rajaee Shahr il 9 agosto 2017.

Va fatto presente che durante la sua lunga detenzione, Shahabi ha dovuto ricorrere allo sciopero della fame, cinque volte distinte. Ha anche subito due attacchi cardiaci nel dicembre 2017. Reza era stato trasferito al reparto 209 della prigione di Evin a Teheran dal carcere di Rajaee Shahr a Karaj il 9 gennaio 2018. Nel febbraio 2018, a Reza è stata dato un permesso di alcuni giorni per cercare una cura in seguito al peggioramento delle sue condizioni di salute, ma prima ancora di iniziare le sue cure è stato costretto a tornare in prigione. Il 13 marzo 2018 è stato rilasciato. Anche se questa non è una libertà incondizionata, dal momento che è bandito da qualsiasi attività sindacale, sociale o politica per i prossimi due anni, consideriamo la sua liberazione una grande vittoria per Shahabi, per il sindacato degli impiegati di autobus di Teheran e per tutte le organizzazioni e le persone in Iran e in tutto il mondo che hanno continuamente partecipato a campagne per la sua liberazione dal 2010.

Non sarà possibile elencare i nomi di tutte le organizzazioni e le persone che sono state impegnate nelle campagne per la libertà di Shahabi. Tutti i destinatari delle nostre e-mail e messaggi e tutti coloro che hanno inviato lettere di protesta, partecipato a manifestazioni, organizzato campagne online e riferito sulla situazione di Shahabi, hanno contribuito in modo significativo alla lotta per la sua libertà. Sappiamo tutti che il movimento operaio iraniano è costantemente sotto attacco e molti lavoratori sono attualmente in prigione o perseguiti; anche la libertà di Shahabi non è garantita, oggi celebriamo e ci prepariamo per il domani. La lotta continua!

Alleanza internazionale a sostegno dei lavoratori in Iran (IASWI) – 13 marzo 2018

info@workers-iran.org;
www.workers-iran.org;
https://twitter.com/IASWIinfo;
https://www.facebook.com/IASWI

Comunicavo del Vahed Syndicate

Ultime notizie:

Reza Shahabi è stato rilasciato il 13 marzo 2018

Reza Shahabi, membro del consiglio di amministrazione di Syndicate of Workers of Teheran e Suburbs Bus Company, è stato rilasciato nel pomeriggio di martedì 13 marzo 2018.

Secondo il verdetto della sezione 36 della Corte d’Appello, Shahabi è stato rilasciato sulla base dell’articolo 134 del codice penale islamico che si occupa di molti “reati”.

Secondo la stessa sentenza, Reza Shahabi dovrà pagare una multa di circa 7 milioni di toman; inoltre, gli è proibito partecipare ad attività sindacali e sociali per due anni.

Il Sindacato dei Lavoratori di Teheran e della Suburbs Bus Company si stringe calorosamente attorno a Reza Shahabi e alla sua stimata famiglia per la sua libertà dopo aver sofferto per quasi 8 anni.

Ringraziamo di cuore i nostri compagni, i movimenti sindacali iraniani e internazionali e tutti gli individui interessati e le organizzazioni in tutto il mondo che hanno sostenuto Reza e il nostro sindacato in questi anni difficili. Senza la solidarietà internazionale, oggi Reza Shahabi non sarebbe stato liberato. Cogliamo l’occasione per chiedere ancora una volta la libertà immediata e incondizionata di tutti i lavoratori e gli attivisti sociali imprigionati in Iran.

Sindacato dei lavoratori della compagnia di autobus di Teheran e dei sobborghi

13 marzo 2018 (22 Esfand 1396)

Email: vsyndica@gmail.com
Sito Web: www.vahedsyndica.com
Telegram: @vahedsyndica

Tags: , , , , , , , , ,