Editoriali »

4 Maggio 2020 – 09:11 |

Da un mese in Libano sono riprese le proteste di piazza. Il lockdown imposto per la pandemia aveva temporaneamente liberato il nuovo governo dall’assedio dei dimostranti. Ma senza la possibilità di lavorare e senza ammortizzatori sociali, un libanese su cinque è alla fame, letteralmente. Il virus è meno letale della miseria provocata da una borghesia corrotta e sfruttatrice. Mentre i più ricchi fuggono sui loro …

Leggi l'articolo completo »
Comunicati

Comunicati generici

Internazionale

Articoli di temi internazionali

Comunismo

Articoli sul comunismo

Documenti

Documenti di analisi e di informazioni

Lotte

Lotte sociali e politiche

Home » Comunicati, Internazionale

Sugli ultimi avvenimenti a Mossoul e nelle altre città dell’Irak

Inserito da on 2 Luglio 2014 – 20:52

Turkish consulate in Iraq’s Mosul seized by ISIL

Mentre in Irak le potenze regionali e globali giocano la loro partita sulla pelle della popolazione locale, c’è chi oppone alla guerra civile settaria l’unione di tutti i lavoratori al di là di ogni etnia e di ogni credo religioso.
Pubblichiamo qui un comunicato della Federazione dei Consigli e dei sindacati dei lavoratori in Iraq.

Mosul e altre città in Iraq stanno vivendo cambiamenti drammatici e pericolosi.

I media, in particolare quelli filo-governativi e filo-occidentali, diffondono notizie riguardo lo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante / Siria (ISIS) e il suo controllo su diverse città irachene, per mobilitare l’opinione pubblica contro questo gruppo. In effetti, i gruppi terroristici dell’ISIS sono presenti fra i gruppi armati in questa regione e la loro influenza nei recenti avvenimenti è ampiamente accertata. Tuttavia, è anche vero che gli iracheni in genere rifiutano l’ISIS, sia nelle zone del centro o sud dell’Iraq sia in parti del paese non sono più sotto il controllo del governo: le cosiddette aree “sunniti” o “triangolo sunnita”, un termine che i servizi di intelligence, tra cui la CIA, hanno sviluppato nel quadro di un piano per fomentare il settarismo religioso in Iraq. Allo stesso tempo, gli iracheni in genere rifiutano la politica di Al-Maliki e il suo governo, costruita su una base etnico-confessionale. Ciò è particolarmente vero nelle aree urbane dove la discriminazione settaria è più forte, in cui il governo sta trattando la gente comune come nemici politici.

Che diverse città cadessero nelle mani dei gruppi armati non era il sogno delle persone che vi abitano. La loro richiesta di essere liberati dal settarismo religioso è chiara e forte. Hanno espresso questa esigenza attraverso sit-in non violenti, ma i gruppi terroristici armati hanno approfittato di questo movimento per prendere il potere. Le richieste dei cittadini contro la discriminazione e l’intolleranza sono giuste ed eque, mentre le politiche di Al-Maliki sono reazionarie e discriminatorie e per questo vengono rifiutate. Allo stesso tempo, il controllo da città ISIS e delle popolazioni rappresenta una grave minaccia per la vita e la società.

Le rivendicazioni popolari si sono trasformate in uno strumento nelle mani delle forze reazionarie per rinegoziare la divisione della torta politica, terroristi di Al Qaeda, i baathisti, e leader tribali fino ai leader spirituali sciiti che hanno chiamato per la guerra aperta e le forze nazionaliste curde che hanno fatto guadagni politici e militari. Tutto questo avviene in un momento in cui l’Iraq è palesemente diviso secondo i desideri delle forze politiche dominanti, mentre la volontà del popolo iracheno viene ignorata.

Potenze regionali che traggono profitto dalla disintegrazione dell’Iraq, in particolare l’Iran, l’Arabia Saudita e la Turchia operano ciascuna a modo suo per ottenere vantaggi politici. Mentre il governo degli Stati Uniti, sin dall’inizio la causa principale di questi problemi – si prepara a intervenire. Il presidente Obama parlando degli ultimi avvenimenti ha finora espresso due volte preoccupazione per il petrolio iracheno. Non ha mostrato alcun rispetto né alcuna preoccupazione per la sorte di due milioni di persone attualmente sotto il controllo dell’ISIS, o per le donne che hanno iniziato a suicidarsi a Mosul a causa di bande di ISIS.

La classe operaia in Iraq è una forza comune che esiste in tutto il paese, dal nord del Kurdistan fino ai punti più a sud. L’eliminazione della discriminazione e l’unificazione del popolo iracheno dalla sopravvivenza e dall’esistenza di questa forza. Questa è l’unica forza che può mettere fine alla frammentazione e divisione.

Rifiutiamo l’intervento degli Stati Uniti e protestiamo contro le dichiarazioni scandalose del Presidente Obama in cui ha espresso la propria preoccupazione per il petrolio, ma non per le persone. Siamo anche fermamente contrari all’interferenza sfacciata dell’Iran.

Noi siamo contro l’intervento dei regimi del Golfo, in particolare Arabia Saudita e Qatar, e contro il finanziamento dei gruppi armati.
Condanniamo le politiche settarie e reazionarie dell’attuale presidente Nouri al-Maliki.

Condanniamo anche il controllo di Mosul e in altre città da parte di bande terroristiche armate e milizie. Approviamo e sosteniamo le richieste della popolazione di queste città contro la discriminazione e il settarismo religioso.

Infine, respingiamo l’interferenza dell’istituzione religiosa e il suo appello alla guerra totale.

Il nostro obiettivo è stare con coloro che rappresentano gli interessi del popolo e per rafforzarli contro questo attacco pericoloso e reazionario. Chiediamo una chiara presa di posizione internazionale per lottare contro l’aggravarsi della situazione e contro le interferenze regionali e per sostenere il popolo iracheno.

Falah Alwan
Federazione dei Consigli e dei sindacati dei lavoratori in Iraq
13/6/2014

Tags: , , , , , , , ,