Editoriali »

25 Ottobre 2020 – 10:58 |

Il presidente brasiliano recupera popolarità grazie a un forte aumento della spesa per la lotta alla povertà. Ma questa politica “sociale” dovrà presto fare i conti con la recessione economica e la scarsità di risorse disponibili oltre che con le pressioni liberiste che arrivano dai suoi alleati.Se di fronte a un possibile ridimensionamento della spesa sociale e all’aumento dello sfruttamento la classe lavoratrice si accontenterà …

Leggi l'articolo completo »
Comunicati

Comunicati generici

Internazionale

Articoli di temi internazionali

Comunismo

Articoli sul comunismo

Documenti

Documenti di analisi e di informazioni

Lotte

Lotte sociali e politiche

Home » Comunicati, Lotte

Alitalia: quando i lavoratori non si fanno calpestare

Inserito da on 26 Aprile 2017 – 07:33

 

Condividiamo e pubblichiamo la presa di posizione sulla questione Alitalia dei “delegati e lavoratori indipendenti di Pisa” dopo il referendum con il quale si è imposta la volontà della maggioranza dei lavoratori, nonostante l’accordo antioperaio già stretto tra Governo e Cgil-Cisl-Uil. Un esempio che incoraggia i lavoratori a riprendere attivamente nelle proprie mani e a unificare la difesa di tutta la classe.

**********************

Una premessa utile senza cui non capiremmo molto di cosa sta accadendo oggi: per capire la vicenda Alitalia non possiamo prescindere dalla elevata sindacalizzazione del settore, dalla presenza storica e combattiva (e non sempre accade) del sindacalismo di base, dalla conoscenza diretta della storia del trasporto aereo degli ultimi lustri con compagnie sommerse da debiti che hanno fatto pagare ai lavoratori e alle lavoratrici le loro scelte errate.

I no all’accordo siglato da cgil cisl uil sono stati molto numerosi, praticamente piu’ del doppio, per essere precisi i contrari rappresentano circa il 67% dei voti espressi.

La composizione del no è variegata, molto forte in alcuni settori, tra il personale viaggiante (che guarda caso subirebbe nel piano di ristrutturazione i maggiori tagli ) il no supera il 90%.

Intanto liberiamo il campo da un equivoco: la consultazione è stata democratica e partecipata, a votare quasi il 90% degli aventi diritto, i lavoratori hanno bocciato la preintesa firmata da Governo con Cgil cisl Uil che ricordiamo prevedeva 2.037 esuberi del personale di terra, 980 lavoratori a tempo indeterminato con la cassa integrazione, licenziamenti per 558 lavoratori con contratti a tempo determinato e altri 141 fuori dall’Italia.

E per il personale navigante, l’accordo di Cgil Cisl Uil prevedeva tagli della retribuzione di base del 10%, dimezzata la indennità di volo oraria, gli scatti di anzianità annuali che diventano triennali, i riposi annuali ridotti di 18 giorni.

Un piano non di risanamento ma di tagli al salario e alla occupazione, per questo i lavoratori e le lavoratrici dell’Alitalia hanno detto No e rappresentano un esempio da seguire in altre vertenze.

Tags: , , , , , ,