Editoriali »

26 Luglio 2020 – 08:07 |

Sesto paese al mondo per numero di contagi da Covid-19 (323.700 casi e più di 7000 morti a metà luglio), il Cile sta affrontando una delle più drammatiche crisi sociali della sua storia; le contraddizioni preesistenti allo scoppio della pandemia si sono approfondite ed è il proletariato che sta pagando il prezzo di gran lunga più alto in termini di vite umane, disoccupazione, povertà e …

Leggi l'articolo completo »
Comunicati

Comunicati generici

Internazionale

Articoli di temi internazionali

Comunismo

Articoli sul comunismo

Documenti

Documenti di analisi e di informazioni

Lotte

Lotte sociali e politiche

Home » Comunicati, Lotte, Repressione

Alla repressione di Stato si risponde intensificando la lotta e l’organizzazione

Inserito da on 15 Febbraio 2014 – 13:40

330

La settimana che sta per concludersi ha segnato un inasprimento della repressione di Stato contro le lotte “fuori dal coro” che dovrebbe essere oggetto di attenta valutazione e seria riflessione.

Perquisizioni ed arresti di disoccupati organizzati di Napoli ed Acerra, “colpevoli” di continuare a rivendicare il loro diritto sacrosanto a non sprofondare ulteriormente nella miseria, senza per questo dover confidare nelle solite, inutili e ipocrite “promesse” delle istituzioni. I compagni stanno “semplicemente”, negli ultimi mesi cercando di strappare con la lotta e la mobilitazione il più elementare diritto umano: quello di vivere. Nel napoletano tra l’altro, da mesi e mesi, la giusta lotta dei cassintegrati Fiat scatena una automatica militarizzazione ai cancelli di Pomigliano ad ogni iniziativa dei compagni, cosa che si è riprodotta di recente per un “semplice” presidio e relativo volantinaggio.

A Roma si sta sviluppando da un po’ di tempo a questa parte un “pericoloso” movimento di lotta per la casa, il quale -anche in questo caso- cerca con la mobilitazione e l’autorganizzazione di riappropiarsi degli spazi essenziali alla vita umana: un tetto sotto cui abitare, riposare, socializzare, curare gli affetti più cari. La polizia prontamente interviene, sgombrando le occupazioni “abusive”, mettendo alcuni compagni e occupanti agli arresti domiciliari, ed imponendo ad altri l’obbligo di firma…Il tutto dopo che si erano consumate le vergognose sentenze sugli scontri del 15 ottobre.

Come se non bastasse, nelle logistiche del nord, dopo cariche, arresti, fermi, fogli di via, pestaggi malavitosi ai compagni più attivi, aventi il solo scopo di stroncare una lotta che -seppur limitata ad un settore – fa già paura a tutti.. –  ecco rispolverare da parte della Questura di Piacenza una legge “fascistissima” del 1931 contro un compagno del SI COBAS perché nella mattina del 19.09.2013 “promuoveva una manifestazione del sindacato nei pressi dello stabilimento TRACONF S.r.l. in assenza del preventivo avviso da inviare almeno tre giorni prima al Questore di Piacenza”.
La “manifestazione” in questione era un normale sciopero per problemi aziendali, in primis l’estromissione di tre lavoratori iscritti al SI COBAS, di cui due dei tre delegati, lasciati a casa da settimane senza salario e senza alcuna motivazione. L’accusa sarebbe di “manifestazione non autorizzata”, dal momento che -secondo gli sbirri- la proclamazione di uno sciopero (tra l’altro dopo relativa dichiarazione dello “stato di agitazione”) viene “tranquillamente” equiparata ad un “reato”.

Dire allora che siamo in uno “Stato di polizia” non rende bene l’idea di cosa stia succedendo.

In altre epoche dello scontro sociale in questo paese è stata usata la suddetta definizione. Ma oggi c’è qualcosa di più e di peggio. Oggi la borghesia opera di “concerto” con tutti i suoi strumenti di potere; proprio perché ci troviamo in una situazione di crisi economica e sociale lunga, devastante, piena di insidie per chi comanda. Insidie di “tenuta” del quadro politico e istituzionale, tanto per usare i termini dei corifei del dominio capitalistico. Dunque ciò che viene messa in atto è un’azione -spesso- di “repressione preventiva” che ha come terminale il manganello ed il carcere, ma che viene accuratamente preparata da tutto lo spettro dei partiti e dei sindacati borghesi di ogni sfumatura.

Per questo occorre che la risposta migliore alla repressione si tramuti nella perseveranza di lotta, nella chiarezza di analisi e nella necessità di lavorare per l’unificazione politica e organizzativa dei comunisti rivoluzionari: ciò non può essere compito lasciato a un futuro indeterminato ma deve diventare un terreno da porre già oggi all’ordine del giorno.

Proprio quando il potere borghese inasprisce la sua vera natura di dominio di classe, quando sembra che si affievoliscono gli spazi per l’azione diretta degli sfruttati, i comunisti devono dimostrare di essere in grado di guardare avanti e di non farsi piegare.

NON CI FAREMO PIEGARE!

UNITI SI VINCE!

Comunisti per l’Organizzazione di Classe

15/2/’14

Tags: , , , ,

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.