Editoriali »

10 Novembre 2020 – 21:17 |

Centinaia di milioni di persone in USA e nel mondo non vedranno più ogni giorno in TV quella chioma rossa costata 800 mila dollari sopra quel volto da mastino sparare veleni contro gli immigrati, contro le donne, contro la natura, contro tutto ciò che non è American. Questo populismo rozzo e becero di un pescecane cresciuto con le speculazioni immobiliari che si atteggia a patrono …

Leggi l'articolo completo »
Comunicati

Comunicati generici

Internazionale

Articoli di temi internazionali

Comunismo

Articoli sul comunismo

Documenti

Documenti di analisi e di informazioni

Lotte

Lotte sociali e politiche

Home » Comunicati

IL COMITATO DISOCCUPATI E PRECARI DI PAVIA MUOVE I PRIMI PASSI

Inserito da on 28 Aprile 2017 – 14:58

170412Comitato Pavia6

Riportiamo un nuovo resoconto inviato dal Comitato disoccupati e precari di Pavia

**********************

Dopo un lavoro di diffusione di materiale agitatorio  nei quartieri popolari, nei mercati, bar e altri luoghi in cui poter intercettare i 3500 (secondo dati ufficiali, in realtà molti di più) disoccupati  a Pavia e tutto quell’esercito di working poors presente nel territorio, abbiamo cercato di renderci più visibili con iniziative pubbliche.

Le ultime:

– nella giornata dell’8 marzo percorso itinerante  in corteo con striscioni e cartelli, sostando davanti all’ufficio dell’Assessore ai Servizi Sociali, all’Ufficio delle assistenti sociali, all’Ufficio per l’Impiego. Abbiamo ‘chiuso’ questi uffici con striscioni e nastro adesivo perché ‘inutili’ ed elencato le nostre rivendicazioni.

Presenza di giornali e tv locali – il 13 marzo irruzione in Consiglio Comunale, dove si discuteva il Bilancio 2017-19.

170412Comitato Pavia3

Interventi di testimonianza di disoccupati e precari del gruppo e di denuncia delle politiche intraprese dall’amministrazione. I consiglieri e la giunta presenti si guardavano la punta delle scarpe o il soffitto in silenzio. A nostre domande e richieste precise il silenzio in aula è continuato fino a diventare spesso, quindi ce ne siamo andati.

[qui il video, da Telepavia: https://www.youtube.com/watch?v=BDJcH8BqVa0]

Dalla lettura de “Il Soviet dei Disoccupati di San Pietroburgo” sorgono spontanee alcune considerazioni che, pur facendo le dovute distizioni tra le due situazioni, ribadiscono la necessità di un lavoro politico organizzato anche per il nostro comitato.

Nel 1906 l’esperienza organizzativa dei disoccupati aveva trovato un terreno già preparato dal Soviet cittadino, e quest’ultimo  si è fatto promotore dell’imprescindibile collegamento con gli operai, creando un’unità di classe basata sulla solidarietà e il mutuo soccorso. Inoltre l’estensione e la gravità della disoccupazione e la fame dilagante  prospettavano conseguenze sociali destabilizzanti; questo portò all’appoggio di parte della borghesia e piccola-borghesia urbana  e di settori  liberali, che sostennero il Soviet con azioni concrete.

Continueremo il nostro lavoro, con pazienza e determinazione, cercando di raggiungere un peso politico maggiore ed alleanze utili alla lotta di classe.

Tags: , , , , , , , ,