Editoriali »

26 Luglio 2020 – 08:07 |

Sesto paese al mondo per numero di contagi da Covid-19 (323.700 casi e più di 7000 morti a metà luglio), il Cile sta affrontando una delle più drammatiche crisi sociali della sua storia; le contraddizioni preesistenti allo scoppio della pandemia si sono approfondite ed è il proletariato che sta pagando il prezzo di gran lunga più alto in termini di vite umane, disoccupazione, povertà e …

Leggi l'articolo completo »
Comunicati

Comunicati generici

Internazionale

Articoli di temi internazionali

Comunismo

Articoli sul comunismo

Documenti

Documenti di analisi e di informazioni

Lotte

Lotte sociali e politiche

Home » Comunicati, Documenti

Lettera aperta a padre Mario ed a frà Marchionne

Inserito da on 6 Luglio 2012 – 17:00

…Ma, er culo, non lo volete?

Prima avete tagliato pensioni e salari, posti posti di lavoro ed art.18.
Adesso tocca a ministeri, ospedali ed università.
Adesso tocca agli statali: fuori in 200.000!

D’altra parte, anche voi, cari tecnici,  avete i vostri esami in Europa, che non finiscono mai.
Dovete fare bene i vostri “compiti a casa”, qui in Italia, e tenere a posto i conti.
E si sa, i conti hanno a che fare con la matematica, tutte cifre e niente cuore.
Non si può certo tener conto di chi protesta, o si arrampica sui tetti, o, disperato, si suicida.
Sarebbe un cedere all’umanità, e per quella, non sono proprio tempi adatti.

Di fronte a 36 miliardi di risparmi di spesa, non è il caso di andare per il sottile.
E mentre voi tecnici operate, un altro tecnico, frà Marchionne, continua a minacciare:

“ se non aumenta la capacità di assorbimento del mercato automobilistico nei prossimi 24-36 mesi, c’è uno stabilimento di troppo in Italia”.
Sistemati pure gli operai meccanici, già storditi dal contratto capestro di Pomigliano.
Avevano accettato quel “modello” per conservare il posto di schiavitu’, ed ora, anche quella rischia di sparire.
C’è sempre qualcuno piu’ schiavo di noi, a questo mondo.

L’importante è che tutto si svolga tranquillamente, senza chiasso, in maniera sobria.
Sobri voi tecnici nell’attacco contro di noi, sobri noi lavoratori nella risposta.
Qualche scioperetto solo minacciato, qualche presidio nei dintorni dei palazzi del potere.
Cosi’, senza esagerare…hai visto mai si risentisse puzza di anni ’70, o peggio, di lotta di classe.
E poi, c’è sempre una nazionale per gli europei.
Perduti……..

lavoratori sobri appena appena un po’ incazzati

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.