Editoriali »

25 Ottobre 2020 – 10:58 |

Il presidente brasiliano recupera popolarità grazie a un forte aumento della spesa per la lotta alla povertà. Ma questa politica “sociale” dovrà presto fare i conti con la recessione economica e la scarsità di risorse disponibili oltre che con le pressioni liberiste che arrivano dai suoi alleati.Se di fronte a un possibile ridimensionamento della spesa sociale e all’aumento dello sfruttamento la classe lavoratrice si accontenterà …

Leggi l'articolo completo »
Comunicati

Comunicati generici

Internazionale

Articoli di temi internazionali

Comunismo

Articoli sul comunismo

Documenti

Documenti di analisi e di informazioni

Lotte

Lotte sociali e politiche

Home » Comunicati, Lotte

[Napoli] Estate di fuoco… senza lavoro, senza denari!

Inserito da on 28 Agosto 2012 – 23:19

La cappa infernale che da più di un mese si abbatte sulle nostre città è ancora più intollerabile per chi, in quest’epoca di crisi drammatica, non solo non può permettersi di andare in vacanza, ma è condannato a rimanere in un quartiere semideserto, dove anche per prendere un po’ di sole sei costretto a pagare il pizzo ai lidi privati e puoi al massimo restare a guardare da lontano un mare che non è balneabile perchè in 20 anni mai bonificato.

Questa è l’estate di migliaia di disoccupati e precari, ormai non solo più in zona flegrea e a Napoli…

Fino a qualche anno fa i disoccupati erano considerati un’eccezione, un male “necessario” del capitalismo, una condizione transitoria che presto, ci dicevano, si sarebbe risolta; quando provavano ad organizzarsi e a lottare per il diritto al lavoro venivano criminalizzati e ricoperti di accuse infamanti da parte di politici parassiti e giornalisti venduti (“lazzaroni che non hanno voglia di lavorare e chiedono assistenzialismo”, ci dicevano…).

Oggi si scopre che non siamo più un eccezione, ma la regola!

Mentre innumerevoli aziende chiudono o si spostano all’estero, milioni di lavoratori vengono licenziati o mandati in cassa integrazione, a milioni di precari non viene rinnovato il contratto e vengono buttati per strada, mentre migliaia di lavoratori sia pubblici che privati lavorano senza stipendio per mesi e mesi.

E’ oramai noto a tutti che la maggioranza della popolazione è sul lastrico, stritolata da caro-vita, affitti e mutui da rapina, bollette e tariffe sempre più impossibili da pagare!!!

E’ giunta l’ora di rialzare la testa: organizziamoci e lottiamo uniti per il diritto alla casa, ai servizi sociali, al lavoro stabile o a un salario garantito

Aderisci al Movimento Disoccupati Flegrei:
sono aperte le iscrizioni

Noi non ci suicidiamo


Movimento Disoccupati Flegrei

Tags: ,

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.