Comunicati

5 Gennaio 2013 - 12:22

Questo mondo non ci piace, e ci sta’ stretto. A difenderlo, a riformarlo, ad abbellirlo, a diffonderlo, a tentare di renderlo eterno ci pensa il capitale, la sua borghesia, le sue religioni.
Il caleidoscopio elettorale moltiplica i suoi colori. Su tutti, domina, decide, vincola ed impone l’azzurro europeo, cabina di regia per ogni governo nazionale.
L’offerta politica stinge dal presidenzial-Montiano tricolore di stato alle varie declinazione del rosso parastato, dal bianco fiore exscudocrociato al verde riciclato all’arancione magistrato, al nero prezzolato.
Il passaggio alla terza repubblica della sobria obbedienza europea ritarda i tempi della mancata affermazione di un vero bipolarismo, scatenando liste …

Comunicati, Lotte

5 Gennaio 2013 - 11:06

[link all’iniziativa riportata sul giornale]
Dal 1° gennaio è scaduta la deroga, concessa dalla comunità europea, sulla concentrazione di arsenico nell’acqua; ora ufficialmente l’acqua non è potabile. Nonostante già da tempo l’acqua fosse avvelenata l’unica soluzione trovata dalle istituzioni è stata l’installazione di fontanelle A PAGAMENTO; non sarebbe stato più logico dotare la rete idrica di un dearsenificatore alla fonte?
Ad oggi noi paghiamo l’acqua tre volte:
– Sulla bolletta della Talete (ladri), dove una percentuale rappresenta la tassa per la potabilizzazione, che di fatto non avviene.
– Alle fontanelle, con una tessera prepagata, in fila come nel medioevo! ( e poi, chi sono …

Comunicati

2 Gennaio 2013 - 16:46

Fenomeni come la disoccupazione di massa, il crollo dei consumi, la scomparsa di innumerevoli imprese piccole, medie e grandi, la deindustrializzazione di intere zone (Detroit è il caso più eclatante), l’incapacità totale dei moderni stregoni, gli economisti, i tecnici, i bocconiani, di porvi rimedio. L’unica loro preoccupazione è salvare le banche.
Tutto questo non era imprevedibile né inspiegabile. Ogni sistema economico sociale al tramonto “libera” una quantità enorme di forza lavoro, che resta tagliata fuori dalla società, emarginata. E’ avvenuto nel mondo schiavistico e in quello feudale, sta avvenendo nel capitalismo.
Al momento della disgregazione del feudo, …

Comunicati, Documenti, Lotte

27 Dicembre 2012 - 20:22

L’altroieri presso la Sala Consiliare del VI Municipio di Roma (quartiere Torpignattara) un gruppo di compagne/i ha ricordato Mohammed Muzaffar Alì, detto Sher Khan, morto in piazza Vittorio nel dicembre 2009. Ci si è resi conto che l’eredità più importante che egli ci ha lasciato è la capacità di resistere: una capacità tanto più preziosa in questo momento di crisi economica, ma anche di difficoltà oggettiva e soggettiva ad organizzare una lotta costante nel territorio romano. Ciò, laddove in altre parti d’Italia, il conflitto di classe si esprime in termini di notevole radicalità, spesso nel segno del protagonismo di quegli …

Comunicati, Politica italiana

22 Dicembre 2012 - 11:02

Venerdì 28 dicembre ore 18 presso piazzale Nigra 1 Milano
(a sinistra della Posta, per apertura tel. 0239325048)
assemblea/dibattito: la crisi politica in Italia e l’iniziativa per l’organizzazione di classe
COC – Comunisti per l’Organizzazione di Classe

Comunicati, Documenti, Lotte

12 Dicembre 2012 - 11:56

In molti, padroni e servitori, hanno interesse a cambiare, adeguare, rendere piu’ snello ed efficiente lo stato,una macchina politica ed organizzativa di una classe contro un’altra.
Noi abbiamo interesse a soppiantarlo, nella prospettiva di vederlo sparire, insieme a padroni e servitori.
Che cosa è stato il 12 dicembre
Strage di Stato, terrorismo fascista, ipocrisia democratica
Il 12 dicembre è diventato una ricorrenza della democrazia nazionale.
Gli studenti, che percorrono le strade delle grandi città nell’annuale corteo, celebrano una tradizione di cui spesso non conoscono le origini. Noi, che quel giorno ricordiamo Saverio Saltarelli, denunciamo le responsabilità e corresponsabilità dello Stato democratico nelle stragi e negli …

Comunicati

10 Dicembre 2012 - 18:03

“Ci vorrebbe un partito.. per non farsi utilizzare.
Ci vorrebbe un partito.. per durare, per contare, per pesare!”
Il soufflè, spesso, dalla cucina alla tavola, o cambia sapore, o si sgonfia.
Un po’ come i movimenti sociali, che da una stagione all’altra, puntualmente, o vengono strumentalizzati per interessi non propri, o si sgonfiano, per poi sparire.
Una volta i governi cadevano sotto il peso degli scioperi generali e delle lotte operaie.
Adesso cadono e cambiano per le contraddizioni interne al sistema.
Cosi’ come Berlusconi, ritenuto inaffidabile, cascò per mano dei padroni europei, oggi Monti lascia il suo governo tecnico perché Berlusconi ri-scende in campo, alla ricerca …

Comunicati, Lotte

4 Dicembre 2012 - 10:32

Oggi un folto gruppo di attivisti si è riunito in presidio all’esterno della base NATO, nella cerimonia di chiusura della permanenza militare nella zona del colleggio ciano a Bagnoli. Realtà territoriali e cittadine si sono riunite per legittimare immediatamente la pretesa sui territori della ex base: i piani della giunta comunale e regionale prevedono la riallocazione degli stabili alla regione campania, commettendo l’ennesimo furto ai cittadini di Bagnoli e dell’area flegrea che dopo la mancata riqualificazione della zona dell’ex italsider vedono ancora lo spettro della speculazione e dell’affarismo che ha contraddistinto i politicanti di questa città per decenni, affacciarsi su …

Comunicati

28 Novembre 2012 - 18:09

Dopo il sequestro da parte della magistratura di Taranto dei prodotti semilavorati dell’Ilva, e l’arresto di altri sette dirigenti -che seguono quello del “patron” Riva- l’azienda “mette in libertà” i suoi 5.000 lavoratori, per i quali il futuro immediato è la disoccupazione.
Oltre a Taranto, tempo una o due settimane, il ciclone delle chiusure potrebbe interessare gli stabilimenti di Genova Cornigliano, Novi Ligure, Racconigi, Marghera, Patrica. Per non parlare dell’indotto e degli effetti sulle molte altre aziende che dipendono dalle forniture Ilva.
Un’ ecatombe di posti di lavoro che se ne vanno in fumo, e che si aggiungono alle centinaia di migliaia …

Comunicati, Internazionale, Repressione

27 Novembre 2012 - 15:56

In meno di una settimana abbiamo assisitito ancora una volta all’ennesimo massacro in Palestina. 163 vittime quasi tutti civili, tra cui tanti bambini.
Quali sono le ragioni di questo massacro imperialista?
Che interessi ci sono dietro la becera propaganda di tutti i media occidentali?
Quali le prospettive future?
L’impegno internazionalista contro tutte le guerre.
Ne parliamo con Michele Basso
Mercoledì 5 dicembre ore 16:30 presso Via Canevari 338 – Genova
Comunisti per l’Organizzazione di Classe

Comunicati, Internazionale

22 Novembre 2012 - 22:06

Una volta eravamo tutti vietcong, poi diventammo tutti feddayn….sempre perché “vietcong e feddayn vincevano perché sparavano”.
Ma i vietcong hanno vinto sul serio, e i feddayn, che fine hanno fatto?
Al senso di una mitologia al seguito di un “antimperialismo filorusso” si accoppiava l’antica propensione a tifare sempre per le “lotte armate” lontane, ed a prendere distanze o cercare il pelo nell’uovo con i tentativi rivoluzionari in casa nostra.
Poi il mondo cambiò, ed insieme al muro di Berlino, vennero giu’ un sacco di nostre certezze figlie del “pianeta bipolare”.
Il pensiero divenne unico come il capitalismo, spalmato su tutta la terra. Tutto si …

Comunicati

20 Novembre 2012 - 21:14

Dopo la forte contestazione di lunedì 12 al ministro Fornero, che si è conclusa con gli scontri protrattisi per più di un’ora tra piazzale Tecchio e viale Augusto a Fuorigrotta, siamo tornati in piazza, aderendo alle varie manifestazioni che sono state proclamate per la data dello sciopero europeo del 14 novembre. In tutta Italia sono state 87 le piazze (a destra una mappa con tutti i concentramenti), con centinaia di migliaia di manifestanti, tra studenti, disoccupati, operai e lavoratori.
A Napoli erano tre i concentramenti di piazza, chiamati da sindacati di base, partiti e da realtà di movimento:
A Pomigliano, dove gli …