Editoriali »

16 Dicembre 2020 – 19:57 |

Vedi anche l’articolo precedente: Covid, scuola, mercato del lavoro – Parte prima
La DAD moltiplicatore delle diseguaglianze
Il Covid affrontato con la DAD ha messo in luce l’inadeguatezza della rete informatica italiana, dei dispositivi (PC o tablet) e delle conoscenze informatiche a tutti i livelli (scuole, famiglie, docenti e studenti). Ha funzionato soprattutto come moltiplicatore delle diseguaglianze, perché si è inserito in un contesto sociale in cui …

Leggi l'articolo completo »
Comunicati

Comunicati generici

Internazionale

Articoli di temi internazionali

Comunismo

Articoli sul comunismo

Documenti

Documenti di analisi e di informazioni

Lotte

Lotte sociali e politiche

Home » Dal mondo, Internazionale

RCEP: I Paesi dell’Asia-Pacifico siglano il maggior accordo commerciale del mondo

Inserito da on 26 Novembre 2020 – 17:33

Pubblichiamo la scheda di un articolo scritto sul sito di Al Jazeera il 15 novembre 2020 sulla firma del Regional Comprehensive Economic Partnership

Dopo 8 anni di difficili e complessi negoziati, la Cina e altri 14 paesi hanno concordato la creazione del più grande blocco di libero scambio del mondo, che riguarderà il 30% dell’economia globale, il 30% della popolazione mondiale e raggiungerà i 2,2 miliardi di consumatori.

Il Regional Comprehensive Economic Partnership – RCEP (Partenariato economica regionale globale) dovrebbe contribuire ad accelerare la ripresa dagli shock della pandemia del coronavirus. rimuovendo o riducendo ulteriormente le già basse tariffe commerciali sui prodotti industriali e agricoli tra i paesi membri; stabilirà anche le regole per la trasmissione dei dati. Un segnale liberista contro le misure protezioniste in questa fase di crisi.

Firmato domenica 15 novembre a margine del vertice annuale ASEAN, l’Associazione delle 10 nazioni del Sud-Est asiatico (nota 1), RCEP entrerà in vigore dopo la sua ratifica da parte di un numero sufficiente di paesi partecipanti entro i prossimi due anni.

Ha ospitato la cerimonia il Vietnam, nella veste di presidente dell’ASEAN.

4 novembre 2019 – I leader dell’ASEAN e di altri paesi dell’Asia-Pacifico posano per una foto di gruppo durante il 3° Summit regionale del Partenariato economico preventivo a Bangkok Manan Vatsyaya-na/ AFP].

Oltre ai 10 paesi Asean, l’accordo riguarda Cina, Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda, escludendo gli Stati Uniti. L’accordo rimane aperto all’India, che si è ritirata per la forte opposizione interna alla riapertura del mercato.

Esso rappresenta un grosso colpo per la Cina, di gran lunga il più grande mercato della regione con più di 1,3 miliardi di persone, conferendole la dimensione di “campione della globalizzazione e della cooperazione multilaterale” e garantendole maggiore influenza sulle regole che governano il commercio regionale (Gareth Leather, economista asiatico senior per Capital Economics).

Gli Stati Uniti, la maggiore economia del mondo, non fanno parte di RCEP e TPP (Trans-Pacific Partnership) (nota 2), riguardante 11 paesi, i due gruppi commerciali che coprono la regione a più rapida crescita del mondo.

Con l’elezione alla presidenza di Joe Biden, la regione attende l’evolversi della politica statunitense su commercio etc.

C’è scetticismo tra gli analisti sulla possibilità che Biden spingerà per aderire al patto commerciale trans-pacifico o per revocare molte sanzioni commerciali statunitensi imposte alla Cina dall’amministrazione Trump.

Il primo ministro giapponese Yoshihide Suga ha espresso il sostegno del suo governo all’“l’ampliamento di una area di libero ed equo scambio economico, con la possibilità che in futuro l’India rientri nell’accordo e con la speranza di ottenere il sostegno degli altri Paesi”.

L’accordo RCEP è abbastanza lasco per potersi adattare alle diverse esigenze dei paesi membri, come Myanmar, Singapore, Vietnam e Australia, ma stabilisce regole commerciali per facilitare gli investimenti e gli affari nella regione. A differenza dell’Unione Europea, non stabilisce standard unificati su lavoro e ambiente, e non obbliga i paesi membri ad aprire i servizi e altre aree vulnerabili delle loro economie.


Nota 1: I membri dell’ASEAN: Cambogia, Indonesia, Laos, Myanmar, Filippine, Thailandia, Brunei, Singapore, Malesia e Vietnam.

Nota 2: Il presidente americano Donald Trump si ritirò poco dopo il suo insediamento dal TPP.

Tags: , , , , , , ,