Editoriali »

10 Novembre 2020 – 21:17 |

Centinaia di milioni di persone in USA e nel mondo non vedranno più ogni giorno in TV quella chioma rossa costata 800 mila dollari sopra quel volto da mastino sparare veleni contro gli immigrati, contro le donne, contro la natura, contro tutto ciò che non è American. Questo populismo rozzo e becero di un pescecane cresciuto con le speculazioni immobiliari che si atteggia a patrono …

Leggi l'articolo completo »
Comunicati

Comunicati generici

Internazionale

Articoli di temi internazionali

Comunismo

Articoli sul comunismo

Documenti

Documenti di analisi e di informazioni

Lotte

Lotte sociali e politiche

Home » Comunicati

Sabato 6 aprile tutti a Piacenza: contro la repressione statale della lotta operaia!

Inserito da on 5 Aprile 2013 – 14:22

Le lotte che da anni i compagni del SI-Cobas e migliaia di lavoratori delle logistiche stanno conducendo, ora insieme alla consorella all’AdL, fanno paura a tutti i padroni ed al loro Stato, cosiddetto “democratico”.

NON A CASO proprio in questi giorni è in corso il processo contro i compagni che nel “lontano” 2008, ad Origgio, inaugurarono questa stagione delle lotte nelle logistiche che poi si è allargata e radicata.

NON A CASO gli scioperi ed i picchetti di questi lavoratori sono diventati non più una “questione sindacale”, ma una vera e propria “questione di Ordine Pubblico”: che vede la polizia bastonare gli operai che chiedono solo il rispetto dei loro diritti e dei contratti; i partiti e le istituzioni collusi con le grandi multinazionali della distribuzione; i sindacati della “Triplice” rimanere indifferenti, o appoggiare di fatto gli interventi repressivi (vedi Piacenza, Anzola…)

NON A CASO, infine, ora che la lotta si è allargata, che Si-Cobas-AdL rivendicano con scioperi generali di categoria il tavolo di trattativa per il CCNL, arrivano i “fogli di via” di fascista memoria ad Aldo Milani, segretario nazionale del Si-Cobas, e ad altri compagni solidali.

VOGLIONO STRONCARE LE UNICHE LOTTE CHE ATTUALMENTE CERCANO DI USCIRE DAL GUSCIO DEL “CASO PER CASO”, “AZIENDA PER AZIENDA”, NELLA PROSPETTIVA DI UNA UNIFICAZIONE DI CLASSE SU DELLE PIATTAFORME CONCRETE!

VOGLIONO IMPEDIRE CHE LA “MALATTIA” DELLA LOTTA DI CLASSE CREI CONTAGIO AD ALTRI LAVORATORI DI ALTRE CATEGORIE!

I PADRONI ED IL LORO STATO ABORRONO L’IDEA CHE, IN UNA SITUAZIONE CONCLAMATA DI PROFONDA CRISI POLITICA, DOVE LA BORGHESIA VUOLE SOLO CONTINUARE A FAR PROFITTI AD OGNI COSTO, SETTORI DI PROLETARI SI “STACCHINO” DA QUESTA LOGICA DEVASTANTE E SI MUOVANO PER DIFENDERE I LORO INTERESSI; LA LORO STESSA ESISTENZA COME CLASSE LAVORATRICE!

PER UNA OPPOSIZIONE DI CLASSE;

PER LA DIFESA E LO SVILUPPO DELL’ORGANIZZAZIONE E DELLA LOTTA OPERAIA;

PER DIRE “NO” AD OGNI PROVVEDIMENTO REPRESSIVO E POLIZIESCO CONTRO I COMPAGNI CHE LOTTANO;

PER LA DIFESA DEL DIRITTO DI SCIOPERO E DI ASSOCIAZIONE OPERAIA…

SABATO 6 APRILE TUTTI A PIACENZA !!!

COMUNISTI PER L’ORGANIZZAZIONE DI CLASSE

Tags: , , ,

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.