Editoriali »

10 Ottobre 2020 – 07:52 |

Alliance of Middle Eastern and North African Socialists
Pubblichiamo la traduzione di una significativa presa di posizioneinternazionalista dello scorso settembre da parte di due compagni grecisul conflitto greco-turco, che condividiamo, ripresa dal sitoallianceofmesocialists.org“.
15 settembre 2020
Nonostante l’isteria nazionalista che la propaganda dei media di stato e i mass media alimentano in entrambi i Paesi, è evidente l’ansia delle masse popolari, tanto in Grecia che in Turchia, riguardo …

Leggi l'articolo completo »
Comunicati

Comunicati generici

Internazionale

Articoli di temi internazionali

Comunismo

Articoli sul comunismo

Documenti

Documenti di analisi e di informazioni

Lotte

Lotte sociali e politiche

Home » Dal mondo, Internazionale

USA – Riaprire l’economia ci manderà all’inferno

Inserito da on 27 Aprile 2020 – 20:39

Presentiamo la traduzione dal sito di Labor Notes di un articolo di Mike Davis che denuncia la colpevole impreparazione del sistema sanitario americano ad affrontare la pandemia da coronavirus e l’incoscienza delle manifestazioni tenute da ambienti di destra per far riaprire immediatamente tutte le attività economiche. Notevoli i paralleli con l’Italia e altri paesi europei: la gestione capitalistica della sanità, le pressioni delle imprese per ripartire senza vere garanzie anti-contagio per i lavoratori.

22 aprile 2020 / Mike Davis
Mike Davis è l’autore di City of Quartz, Planet of Slums, Ecology of Fear e The Monster at Our Door: The Global Threat of Avian Flu.

Mentre ci dirigiamo verso il quinto mese della pandemia, milioni di famiglie di lavoratori si sentono sequestrate e mandate all’inferno.

Mentre la disoccupazione (dichiarata ufficialmente) sale verso il 30% o più, si stima che circa 20 milioni di persone cadranno impotenti al di sotto della soglia di povertà. In un recente sondaggio Pew, il 60% dei latinoamericani ha dichiarato di aver perso il lavoro od il salario, così come più della metà di tutti i lavoratori di età inferiore ai 30 anni. Oltre ai loro lavori, milioni di persone perderanno tutto ciò per cui hanno lavorato: case, pensioni, copertura medica e risparmi.

Molti hanno già vissuto un’anteprima brutale del collasso economico: la “Grande recessione” del 2008-09. Nell’arco di 18 mesi la maggior parte delle famiglie nere e latine ha perso tutto ed i laureati, provenienti da contesti non privilegiati, si sono ritrovati abbandonati, probabilmente per sempre, nell’economia dei servizi a basso salario. Ecco perché così tanti milioni di persone hanno riversato le loro speranze nel New Deal di Bernie Sanders. Ma la minaccia che ci attende è un immiserimento di massa su vasta scala, mai visto dal 1933.

La gente ha un disperato bisogno di tornare al lavoro e di salvare il salvabile. Ma ascoltare il richiamo delle sirene dei manifestanti MAGA, marionette manipolate da hedge fund e da proprietari miliardari di casinò, per riaprire l’economia, non farebbe altro che provocare un’ennesima tragedia.

Consideriamo i punti seguenti:

  • Far ritornare milioni di persone al lavoro senza protezioni o test, sarebbe una condanna a morte per migliaia di individui; 34 milioni di lavoratori hanno più di 55 anni; 10 milioni di loro oltre 65 anni; altri milioni soffrono di diabete, problemi respiratori cronici e così via; direttamente da casa al lavoro, in terapia intensiva all’obitorio.
  • Milioni di lavoratori essenziali affrontano rischi intollerabili a causa della carenza di dispositivi di protezione; ci vorranno settimane, nella migliore delle ipotesi, prima che ci sia una scorta adeguata per gli operatori sanitari; i lavoratori dei magazzini, dei mercati e dei fast food non hanno alcuna garanzia di ricevere maschere, a meno che la legislazione non lo imponga; se questa è una guerra, il rifiuto di Trump di usare le leggi esistenti per imporre, a livello federale, la fabbricazione di maschere e ventilatori, è un crimine di guerra.
  • La proposta di testare il sangue delle persone e quindi rilasciare certificati di back-to-work se hanno gli anticorpi giusti, al momento è pura fantasia; Washington ha permesso a più di cento aziende diverse di vendere kit sierologici senza test su esseri umani o certificazione FDA, i risultati che danno creano solo confusione; potrebbero essere necessarie settimane o più prima che gli operatori della sanità pubblica abbiano una diagnostica affidabile da utilizzare; anche allora ci vorranno mesi per testare la forza lavoro ed è dubbio che un numero sufficiente di persone disponga degli anticorpi per garantire la sicurezza in tutte le attività chiuse.
  • L’ipotesi più ottimistica è che un vaccino potrebbe essere disponibile entro la primavera del 2021, sebbene nessuno sappia quanto durerà l’immunità conferita; nel frattempo, centinaia di gruppi di ricerca ed aziende biotecnologiche più piccole, stanno lavorando su medicinali che ridurranno il rischio di insufficienza respiratoria e gravi danni cardiaci o renali; ma questo esperimento scientifico tentacolare manca di coordinamento e finanziamenti da parte di Washington.

BLOCCO INDEFINITO

In un certo senso, viviamo in un blocco indefinito, di fronte ad un’amministrazione che pone una priorità più alta sulla distruzione del servizio postale rispetto all’organizzazione di un programma d’emergenza per produrre test, attrezzature di sicurezza ed antivirali che consentirebbe agli Stati Uniti di tornare al lavoro.

I complici di Trump sono mostri come Amazon, che in due settimane hanno reso Jeff Bezos più ricco di $ 25 miliardi, e UnitedHealth Group, la più grande compagnia di assicurazione sanitaria del mondo, i cui profitti sono aumentati di $ 4,1 miliardi nei primi tre mesi della pandemia. Per gli assicuratori medici è una manna dal cielo, poiché la maggior parte dei loro assicurati non è ora in grado di prenotare operazioni od ottenere trattamenti salvavita.

Una rabbia vulcanica sta rapidamente sgorgando in superficie in questo paese: dobbiamo difendere i lavoratori, organizzare sindacati, garantire Medicare per tutti e far cadere i bastardi dai loro troni dorati.

I manifestanti in Minnesota il 17 aprile hanno chiesto che l’economia fosse riaperta.

COME CI SIAMO ARRIVATI

Lo scorso capodanno, mentre stavamo brindando, abbracciando i nostri compagni e cantando alcuni versi di una canzone scritta diversi secoli fa da un rivoluzionario scozzese, i medici cinesi stavano notificando ai colleghi di tutto il mondo che un numero crescente di casi di polmonite acuta , raggruppato intorno alla città di Wuhan, era il risultato di infezioni causate da un virus precedentemente sconosciuto.

Nel giro di una settimana era stato sequenziato geneticamente e smascherato come un corona virus. Fino al 2003, la ricerca su questa famiglia di virus aveva principalmente riguardato le gravi malattie che causa in una varietà di animali, tra cui bestiame e pollame. Solo due erano noti per infettare gli esseri umani e poiché all’epoca producevano solo lievi raffreddori, i ricercatori li consideravano insignificanti.

Poi, nel 2003, è iniziata una nuova epidemia virale da un viaggiatore in un hotel aeroportuale cinese che ha trasmesso la sua infezione a tutti coloro con cui aveva avuto contatti. Entro 24 ore il virus era volato in altri cinque paesi. La sindrome respiratoria acuta grave (SARS) ha ucciso una vittima su 10.

L’agente patogeno SARS è stato identificato come un altro corona virus, trasmesso dai pipistrelli a piccoli carnivori noti come zibetti, apprezzati da tempo nella cucina cinese meridionale. La SARS ha raggiunto 30 paesi e ha causato un panico internazionale su vasta scala. Ma aveva un tallone d’Achille: era contagiosa solo quando le persone infette presentavano sintomi come tosse secca, febbre e dolori muscolari. Poiché è stato così facilmente riconosciuto, il virus SARS è stato finalmente contenuto.

Un virus simile, una specie di maledizione di Tutankhamon, diffuso dai pipistrelli delle tombe ai cammelli, è emerso nel 2012 ed ha ucciso 1.000 persone, principalmente nella penisola arabica. Ma è stato principalmente diffuso dal contatto diretto con i cammelli e quindi non è stato considerato un candidato per iniziare una pandemia.

IL VIRUS INVISIBILE

I ricercatori speravano che l’attuale killer, un virus noto come SARS-C0V-2 che condivide la maggior parte dei suoi geni con la SARS originale, fosse altrettanto semplice da identificare attraverso la correlazione con i sintomi dei pazienti. Si sono disastrosamente sbagliati.

Dopo quattro mesi di circolazione nel mondo umano, ora sappiamo che il virus, a differenza dei suoi predecessori, vola sulle stesse ali dell’influenza: si diffonde facilmente dalle persone senza segni visibili di malattia. L’attuale patogeno si è rivelato essere un virus invisibile su una scala di gran lunga superiore alle influenze e forse senza precedenti negli annali della microbiologia. La Marina ha testato quasi l’intero equipaggio della portaerei colpita Theodore Roosevelt e ha scoperto che il 60 percento di quelli infetti non mostrava mai sintomi visibili.

Un vasto universo di casi non rilevati potrebbe essere considerato una buona notizia se le infezioni producessero un’immunità duratura, ma non sembra essere così. Le dozzine di esami del sangue per la rilevazione di anticorpi attualmente in uso, tutte non certificate dalla FDA, stanno producendo risultati confusi e contraddittori, rendendo impossibile al momento l’idea di una carta d’identità di un anticorpo.

Ma le ricerche più recenti (che possono essere riviste sul sito web della pandemia del National Institutes of Health, LitCovid) suggeriscono che l’immunità conferita è molto limitata e che il corona virus potrebbe radicarsi quanto l’influenza. Escludendo le mutazioni più drastiche, la seconda e la terza infezione saranno probabilmente meno pericolose per i sopravvissuti, ma non ci sono ancora prove che saranno meno pericolose per le persone non infette in gruppi ad alto rischio.

Quindi COVID-19 sarà il mostro sotto il nostro letto per ancora molto tempo.

SAPEVANO CHE STAVA ARRIVANDO

Ma questa malattia non è un’eruzione totalmente improvvisa, un asteroide biologico. Sebbene la sua trasmissibilità fosse inaspettata in un corona virus, la pandemia corrisponde strettamente allo scenario a lungo descritto per un focolaio di influenza aviaria.

Per quasi una generazione l’Organizzazione mondiale della sanità e tutti i principali governi hanno pianificato come rilevare e rispondere a tale pandemia. C’è sempre stata una comprensione internazionale molto chiara della necessità di una diagnosi precoce, di grandi scorte di forniture mediche di emergenza e della capacità di sovraccarico nei letti di terapia intensiva. Il più importante è stato l’accordo dei membri dell’OMS di coordinare le loro risposte secondo le linee guida che tutti avevano accettato. Il contenimento precoce è cruciale: test completi, tracciabilità dei contatti ed isolamento dei casi sospetti. Quarantene su larga scala, sigillare le città, chiudere grandi settori dell’economia: queste dovrebbero essere solo misure estreme, rese superflue da un’estesa pianificazione.

In questo senso, dopo l’arrivo dell’influenza aviaria nel 2005, il governo degli Stati Uniti ha pubblicato un’ambiziosa “Strategia nazionale per l’influenza pandemica” basata sulla scoperta che tutti i livelli del sistema sanitario pubblico americano erano totalmente impreparati per un focolaio su vasta scala. Dopo la paura dell’influenza suina nel 2009, la strategia è stata aggiornata e, nel 2017, una settimana prima dell’insediamento di Trump, i funzionari uscenti di Obama e gli amministratori entranti di Trump hanno effettuato congiuntamente una simulazione su larga scala che ha testato la risposta delle agenzie federali e degli ospedali a tre potenziali pandemie: influenza suina, Ebola e virus Zika.

Nella simulazione il sistema, ovviamente, non è riuscito a prevenire gli scoppi o, appunto, ad appiattire le curve in tempo. Parte del problema era il rilevamento e il coordinamento. Un altro erano scorte inadeguate e catene di approvvigionamento con evidenti strozzature, come dipendere da alcune fabbriche d’oltremare per produrre dispositivi di protezione. E dietro tutto ciò risiedeva l’incapacità di sfruttare in modo aggressivo i progressi rivoluzionari nella progettazione biologica dell’ultimo decennio al fine di accumulare un arsenale di nuovi antivirali e vaccini.

In altre parole, gli Stati Uniti non erano pronti ed il governo lo sapeva.

EFFETTO DOMINO

Alla fine di gennaio 2020 sono successe tre cose. Innanzitutto, l’OMS ha rapidamente distribuito centinaia di migliaia di kit di test progettati da scienziati tedeschi, ma per il resto è stato messo in disparte mentre ogni nazione ha chiuso i battenti ed ignorato i precedenti impegni di mutuo soccorso.

In secondo luogo, tre nazioni dell’Asia orientale con arsenali medici ben preparati e sistemi sanitari nazionali – Corea del Sud, Singapore e Taiwan – contenevano con successo focolai con mortalità minima e periodi moderati di isolamento sociale. Dopo i primi disastri che hanno permesso al virus di fuggire sui voli aerei e hanno costretto al blocco di Wuhan, la Cina si è mobilitata su una scala senza precedenti e ha rapidamente estinto tutti i focolai COVID-19 fuori Wuhan.

In terzo luogo, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno deciso di creare il proprio kit diagnostico anziché utilizzare quello distribuito dall’OMS. Ma le linee di produzione del CDC erano già contaminate dal virus ed i kit per i test si sono resi inutili. L’intero mese di febbraio, quando era ancora possibile prevenire l’aumento esponenziale dell’infezione attraverso test e tracciabilità dei contatti, è stato sperperato.

Questo è stato il primo disastro. Il secondo è stato a marzo, quando casi gravi e critici hanno iniziato ad affollare gli ospedali. Quando i presidi hanno cominciato a rimanere senza maschere N-95 e ventilatori, si sono rivolti ai loro stati e quindi alla scorta strategica nazionale del governo federale, che era stata progettata specificamente per l’uso durante un focolaio come COVID-19.

Ma l’armadio era quasi vuoto. Era stato in gran parte esaurito durante il panico nazionale per l’influenza suina nel 2009 e diverse emergenze successive. L’amministrazione Trump era stata ripetutamente avvertita del suo dovere legale di rifornirla, ma aveva altre priorità come tagliare il budget del CDC ed affossare l’Affordable Care Act [un progetto di legge per estendere la copertura dell’assistenza sanitaria -ndt].

Di conseguenza milioni di lavoratori americani hanno combattuto negli ospedali, nelle case di cura, nei trasporti pubblici e nei magazzini di Amazon senza una protezione essenziale che costa solo pochi centesimi. Niente è più emblematico della totale negligenza dell’amministrazione Trump del fatto che lo stesso giorno in cui il presidente si vantava della “superiorità scientifica e tecnologica senza pari” degli Stati Uniti, il New York Times stava dedicando una pagina a “Come cucire un Maschera a casa”.

L’avvertimento di un’infermiera

Riaprire l’economia mentre il virus circola ancora liberamente costerà altre vite umane.

Questa malattia ha messo a dura prova i miei pazienti, i miei colleghi e me stessa nell’ultimo mese. Abbiamo visto i nostri pazienti, apparentemente in ripresa, improvvisamente scivolare via davanti ai nostri occhi. Abbiamo visto i nostri colleghi uscire in congedo per malattia e non tornare mai più.

Senza dubbio, il parziale arresto dell’economia ha portato ad una riduzione dei ricoveri e dei decessi in ospedale. Senza l’arresto, il nostro sistema ospedaliero, già sovraccarico, sarebbe crollato sotto la pressione di ricoveri alle stelle.

Allo stato attuale, il nostro censimento in tutto l’ospedale sta diminuendo e stiamo iniziando a chiudere le nostre unità COVID di emergenza. Se l’economia verrà riaperta prematuramente, assisteremo ad una ripresa delle morti dei pazienti e degli operatori sanitari che si prendono cura di loro.

Sarah Dowd è un’infermiera medico-chirurgica presso l’Harlem Hospital di New York City e membro della New York State Nurses Association.

Gli autisti di autobus sono cauti

Gli autisti di autobus di Detroit si sono rifiutati di lavorare e hanno vinto tutte le loro richieste di guanti, maschere, disinfettante per le mani e pulizia. Tuttavia hanno perso l’autista Jason Hargrove per COVID-19.

Qui il loro vice presidente del sindacato risponde all’idea di riaprire il Michigan.

Non penso che la malattia sia scomparsa o sia sotto controllo. Se riapriremo lo stato, avremo un’esplosione più grande; sarà peggio della prima volta.

Al momento le condizioni sono piuttosto buone per i conducenti per quanto riguarda le misure di sicurezza. Siamo in grado di ottenere test. Abbiamo combattuto per questo.

Non stiamo trasportando più di 15-20 passeggeri, quindi possiamo distanziarci. Il numero di passeggeri è diminuito e quindi ci sono anche meno autobus là fuori.

La riapertura espone i conducenti ad un contatto molto maggiore con i passeggeri. In questo momento non passano davanti alla prima fila di posti, stanno sul retro dell’autobus. Guidare un autobus pieno sarebbe rischioso. Non siamo ancora pronti.

Willie Mitchell, Jr., vicepresidente, Amalgamated Transit Union Local 26

Tags: , , ,