Home »

BELLONE, Giuseppe Giacinto Virgilio

11 Luglio 2022 No Comment

(San Giorio di Susa, 1880 – 1976), maestro elementare

“Maestro di origine piemontese, bonario e tenace”, come lo definì Fortichiari, proveniva da una numerosa famiglia

contadina della valle di Susa; studiò per poi dedicarsi all’insegnamento. Nel 1903 fu tra i fondatori della Lega Scalpellini in valle; due anni dopo fondò il giornale socialista di Bussoleno «La Valanga».

“Vedevo da noi a San Giorio miserie: ragazzi di 10 o 12 anni andare a lavorare per 8 soldi al giorno alla fabbrica di Borgone, e farsela a piedi da San Giorio a Borgone, e se tardavano 5 minuti gli mettevano la multa di 4 soldi. C’erano poi tanti scalpellini allora, là nelle cave, che mangiavano della polenta sulla forgia, senza pietanza, così. La loro vita era estremamente dura, anche se non era meno dura quella dei contadini. L’orario di lavoro era di 10-12 ore al giorno, con paghe che, nella migliore delle condizioni, non superavano le 3 lire la giornata. Se si pensa che un chilo di pane costava 30 centesimi, un litro di vino 40-50 cent., un chilo di carne da una lira a due per i tagli migliori, si può vedere quale fosse il tenore di vita della gente che non aveva altre risorse se non le proprie braccia. Si aggiunga che nella loro stragrande maggioranza quegli uomini sui 50 anni sono completamente esauriti e non pochi, dopo inaudite sofferenze, muoiono di silicosi, in quanto non esistono cure mediche organizzate, e vuoi per mancanza di denaro e vuoi per ignoranza, anche, pochissimi sono coloro che si rivolgono ai medici; i quali, dal canto loro, nella denuncia dei decessi allo stato civile hanno ormai una loro formula stereotipata, se si tratta di scalpellini: ‘broncoalveolite tubercolare’. Ho cominciato a capire, questa gente potrebbe cominciare a liberarsi, a radunarsi”.

[segusium.org]

Trasferitosi a Milano, fu militante del PSI della frazione massimalista, diresse «La Battaglia Socialista» e, con la scissione, passò al PCdI.

Dopo l’avvento del fascismo allentò gradualmente la sua attività; nel 1924 pubblicò uno scritto contro l’alcolismo; negli anni Trenta scrisse romanzi popolari pubblicati da Viglongo (La Mignona, 1931; Mayno della Spinetta, 1935).

 

 

 

Il figlio Sergio, nato a Milano, nel 1915, venne arrestato nel 1940 e condannato a 14 anni dal tribunale speciale; dopo tre anni e due mesi di carcere venne liberato e partecipò alla Resistenza in Valle di Susa, nel Cuneese e a Torino.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.