Home »

GHINAGLIA, Ferruccio

23 Luglio 2022 No Comment

(Casalbuttano, 1899 – Pavia, 1921), studente

 

Socialista e antimilitarista sin dal Liceo sulle pagine del giornale «Lo Studente», circostanza che gli procurò alcune difficoltà con la polizia, alla fine del ’17 arrivò al collegio Ghislieri di Pavia come studente in medicina, accompagnato da una segnalazione della polizia di Cremona. Nel gennaio 1918 venne richiamato per il servizio militare a Cremona, declassato a soldato semplice perché antimilitarista, e riprese i contatti con i compagni della FIGS. A guerra finita fondò e diresse a Cremona «Il Bolscevico», un periodico di cui uscirono tre numeri. Tornato a Pavia per proseguire gli studi, divenne segretario provinciale della FIGS e seguì sul nuovo giornale «Vedetta Rossa» una vertenza dei braccianti in Lomellina, che strapparono agli agrari l’imponibile di manodopera, il controllo sul collocamento, le otto ore e consistenti aumenti salariali. Ghinaglia organizzò i giovani socialisti, che organizzati in squadre di “ciclisti rossi” tennero i collegamenti durante gli scioperi. Nel settembre-ottobre 1920 l’occupazione delle fabbriche a Pavia interessò tra le altre la Necchi, la Moncalvi, la Torti. Dall’esito fallimentare di tale battaglia, causato dall’incapacità dei massimalisti e dal “tradimento” dei riformisti, trasse spunto Ghinaglia nell’articolo O Lenin o Turati del 12 ottobre 1920, dove scrisse che si doveva rompere coi riformisti, ma anche con chi in nome di una falsa unità vuol tenerli nel PSI: “Il congresso del proletariato rivoluzionario di tutto il mondo, presieduto da Lenin, a Mosca, li ha espulsi e ci ha imposto di espellerli dalle nostre organizzazioni. O con Lenin o con Turati. O per la rivoluzione o per le riforme borghesi. Noi siamo con Lenin, per la rivoluzione. Sentiamo di non poter aderire sinceramente al partito socialista, fino a che nelle sue file trovano posto dei controrivoluzionari. I Noske, gli Scheidemann vogliamo averli di fronte, non di fianco. Aleggia intorno a noi lo spirito di Karl Liebknecht. L’assassinato non può stare con gli assassini!”

Il 31 ottobre 1920 la mozione Ghinaglia di adesione alla Terza Internazionale ottenne 1276 voti contro 177 al congresso della FIGS pavese. Al congresso provinciale PSI Ghinaglia raccolse 727 voti (contro i 3.121 dei massimalisti). A Livorno i pavesi diedero 184 voti ai riformisti, 2.732 ai massimalisti, 922 a comunisti. Nonostante l’arresto di alcuni militanti della Lomellina, il nucleo comunista a Pavia è febbrilmente attivo.

Cominciarono i roghi delle Camere del Lavoro, delle Leghe, delle Case del Popolo. Ghinaglia su «Falce e Martello» (19 febbraio 1921) scrisse: “Non dobbiamo illuderci che sia solamente il fascismo che terrorizza le piazze d’Italia; è la borghesia col suo governo, le sue spie, i suoi armati, che cerca tutti i mezzi per strangolare la volontà dei lavoratori… Non sono le sole organizzazioni fasciste, perché allora basterebbero le forze giovanili nostre per ridurre al silenzio questa gente, ma è tutta l’intera borghesia”.

Il 21 aprile 1921 Ghinaglia venne assassinato da una squadraccia di universitari fascisti mentre stava cantando “L’Internazionale”, come affermò il fascista della prima ora Arturo Bianchi. Sere prima in Borgo Ticino, il rione popolare “fortilizio dei socialcomunisti”, Ghinaglia aveva parlato a una riunione operaia sulla necessità di reagire allo squadrismo; al termine del comizio i bordighiani avevano attaccato e disperso un gruppo di fascisti che sui camion tornavano da una delle loro bravate notturne. Il funerale di Ghinaglia venne seguito da migliaia di studenti, operai, contadini. L’omicidio restò impunito.

Morto Ghinaglia, il gruppo comunista pavese perderà in parte slancio, ma proseguirà l’attività fino agli arresti di massa del 1927. I suoi dirigenti, Biazzoli e Riccardo Dagradi (Stradella, 1900), si schierarono con Fortichiari e Bordiga. A Ghinaglia venne intitolato il Raggruppamento partigiano garibaldina a Cremona.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.